52

 

Quanto deve scrivere un autore? Deve riempire gli scaffali delle librerie oppure deve centellinare le proprie uscite editoriali? Si deve affidare ai capricci dell’ispirazione o deve prendere la scrittura come un mestiere più che come un’arte ideale, e darsi da fare, sforzandosi di produrre esattamente come un qualunque altro impiegato di concetto?
Non c’è una regola.
Ci sono scrittori che hanno lasciato opere monumentali per lunghezza e valore, come Proust con la sua “Recherche”, altri che hanno pubblicato in serie, altri ancora che si sono affidati a un genio saltuario e pignolo, dando alle stampe solo pochi capolavori.
Il caso più eclatante è quello di Radiguet, passato alla storia della letteratura per un unico breve libro: giovanissimo, fece appena in tempo a veder pubblicato “Il diavolo in corpo”, elogiato da critica e pubblico, per poi morire di tifo subito dopo.
Poi ci sono colleghi come Salgari, costretti da contratti capestro a una scrittura a cottimo, concepita per gli amanti di una letteratura popolare e di facile consumo. Dostoevskij per altro verso diede vita a romanzi-fiume ambiziosi e ricchi di suggestioni filosofiche e morali, confermandosi lui stesso, a suo modo, uno stacanovista della penna.
Tra autori prolifici e autori più avari, forse è meglio attenersi alle parole di Burgess, che, di fronte a quegli scrittori che lamentavano il fatidico blocco, tagliava corto affermando che un bravo autore riesce a riempire fino a una ventina di buone pagine al giorno.

(Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più. Pensierino del giorno: non basta avere ispirazione, creatività e talento: per scrivere bene servono anche disciplina, determinazione e allenamento.)

NON siamo una casa editrice A PAGAMENTO, perciò investiamo i nostri soldi, lavoro e competenze solo per pubblicare libri di cui ci innamoriamo. Se siete degli scrittori meravigliosi, potete inviare i vostri testi, in formato word o pdf, a pubblicazione@popedizioni.it  Ma prima rileggeteli, valutateli e correggeteli con onestà, generosità e rigore. E ricordate che i refusi non sono una disattenzione, sono una perversione. Grazie infinite.

0 0 vote
Article Rating
Sottoscrizione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    Instagram feed

    0
    Lascia un tuo commentox
    ()
    x
    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita