65

 

Ricordate quel vecchio film giapponese? “Rashomon” di Kurosawa. Il fattaccio al centro della trama è l’assassinio di un samurai e la violenza nei confronti della sua sposa. Come si sono svolti i fatti e perché? I testimoni convocati in tribunale forniscono ognuno una versione che si discosta da quella resa dagli altri.
Ebbene, la scrittura è un po’ questo. C’è una vicenda da narrare, questo è il punto di partenza per ogni autore. “Rem tene, verba sequentur” diceva Catone: tieni presente l’argomento, le parole ne conseguiranno.
Anche se, a dire il vero, il compito dello scrittore non appare così fluido. È proprio “come” si sceglie di narrare la storia che cambia il risultato e, in qualche maniera, la versione stessa di quanto accaduto. Un’unica vicenda si può prestare a una serie di punti di vista diversi, talora contrastanti, dipende da cosa l’autore dello scritto voglia trasmettere a chi lo legge.
Un medesimo avvenimento può essere reso in maniera comica, drammatica o patetica: pensiamo anche solo a un uomo che cade, gli esiti del ruzzolone potranno strapparci una risata o intristirci, a seconda che vengano descritti da Jerome K. Jerome o dal Parini, per esempio.
Si può decidere di dare al racconto un taglio privo di enfasi o un valore quasi epico, basti paragonare il romanzo borghese ottocentesco all’“Ulysses” di Joyce.
È lo scrittore che deve scegliere con che stile rendere la narrazione, sempre consapevole che ogni scelta presenterà poi il proprio conto al lettore.

(Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più. Pensierino del giorno: non basta avere ispirazione, creatività e talento: per scrivere bene servono anche disciplina, determinazione e allenamento.)

NON siamo una casa editrice A PAGAMENTO, perciò investiamo i nostri soldi, lavoro e competenze solo per pubblicare libri di cui ci innamoriamo. Se siete degli scrittori meravigliosi, potete inviare i vostri testi, in formato word o pdf, a pubblicazione@popedizioni.it Ma prima rileggeteli, valutateli e correggeteli con onestà, generosità e rigore. E ricordate che i refusi non sono una disattenzione, sono una perversione. Grazie.

Lascia un commento

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    Instagram feed