11

Personalmente, un consenso esplicito non l’ho mai dato. Pur tuttavia mi è capitato spesso di sentirmi inferiore. E non solo per una congenita (consapevole) sfiducia nei miei confronti, ma per un dilemma che mi assilla da tempo: per non sentirsi inferiori, bisogna sentirsi superiori o uguale agli altri? E per sentirmi uguale agli altri, devo fare/pensare/dire le medesime cose? E se invece penso e faccio cose differenti, che sono, inferiore o superiore? Nel dubbio, ho scelto di rifiutare qualunque tipo di classificazione e vado avanti per la mia strada a testa alta o bassa a seconda della cervicale. Tiè.

 

Lascia un commento

Condividi:

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    [anr_nocaptcha g-recaptcha-response]

    Instagram feed

    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita

    Shopper IN OMAGGIO