123

A tutti gli annunci di lavoro a cui ho risposto in questi anni, non mi è stato chiesto nulla di più del mio curriculum.
Ovvio, visto che si parla di lavoro.
E invece una società di Napoli, che offre servizi di vigilanza e portierato, di recente ha pubblicato un’inconsueta offerta di lavoro, subito salita agli onori delle cronache, che recita così:
“Cercasi receptionist, di massimo 30 anni, di carattere solare e bella presenza, che parli fluentemente inglese, automunita, per un part time di 24 ore a settimana e un compenso di 500 euro mensili. Si richiede una fotografia in costume da bagno a figura intera”.
La richiesta della fotografia, che ha scatenato sul web una polemica immediata e furibonda, finendo sui principali quotidiani nazionali, è stata prontamente eliminata, ma ormai la frittata era fatta e lo screenshot dell’annuncio passerà alla storia come esempio di perfetta demenza aziendale.
E già, perché i furboni, oltre alla valanga di insulti che li ha sommersi, hanno ricevuto la visita degli ispettori inviati dal Ministero del Lavoro.
Sanzioni a pioggia?
Ce lo auguriamo.
Ma nel frattempo, il gruppetto di parsimoniosi datori di lavoro (perché diciamocelo: 500 euro al mese per sorridere 24 ore a settimana in un’azienda di porcelli sono oggettivamente pochini) si sarà reso conto che non si chiedono queste foto?
Avranno capito?
Non credo: se fossero stati in grado di capire, non si sarebbero lanciati in una richiesta che va contro le più elementari, primitive, regole del buon senso e del buon gusto.
Ma tante giovanissime ragazze, che sul web avranno letto la notizia, si saranno fatte un’idea più precisa di ciò che è lecito chiedere durante un colloquio di lavoro e di cosa non lo è.
Perché per quanti cinghiali possano esserci in giro, se le donne sono allenate a riconoscere una buona offerta di lavoro da una loschissima pretesa sessuale, la situazione non potrà che migliorare.
Morale della favola: durante un colloquio di lavoro diffidate di chi vi guarda invece di ascoltarvi.
Resta solo un’oziosa domanda per i cinghiali: perché una receptionist deve essere automunita? Non può andare in azienda in tram?
(Francesca C.)

Lascia un commento

Condividi:

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    [anr_nocaptcha g-recaptcha-response]

    Instagram feed

    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita

    Shopper IN OMAGGIO