45

 

Le donne capiscono subito quando le vuoi imbrogliare. Ma preferiscono dormirci su. Fanno finta di niente, prendono tempo e alla fine scelgono di lasciarsi imbrogliare.
Claudia, infatti, si era accorta quasi subito che lui tentava di renderla insicura, di toglierle forza, utilizzando un metodo ridicolo, ma efficace: travestiva gli insulti con parole d’amore.
Per esempio, quando se ne stavano nel letto abbracciati e nudi, lui le diceva: a me piace tantissimo la tua pancettina grassa. E lo diceva pur sapendo che Claudia non arrivava a pesare neppure 50 chili. “Sì,” spiegava lui, “50 chili, ma tutti di pancettina grassa. Perché tu non hai muscoli nel corpo. Però mi piaci. Anche il tuo naso mi piace. È la prima cosa che ho pensato quando ti ho vista: questo sì che è un naso con un carattere. Non come quei nasini normali, carini, che non dicono niente. Il tuo naso parla, Claudia, e anche la tua pancettina grassa. È per questo che mi piaci così tanto: perché non sei carina.”
La sua volontà di denigrarmi è così evidente che non ci cascherebbe neppure un bambino, pensava Claudia ogni volta, ma non riusciva a spiegarsi perché da ogni situazione romantica lui tirasse fuori un commento scortese. Su cui poi Claudia si arrovellava, volente o nolente: ho la pancia grassa, il naso lungo, le gambe corte. Nessun muscolo. Sono un’obesa.
E Claudia ci cascava perché lui aveva questo modo subdolo di criticare che somigliava sempre a un complimento. Se Claudia, dopo averlo visto ingozzarsi a tavola, gli domandava felice: “ti è piaciuto l’arrosto?” lui immancabilmente rispondeva: “Era buonissimo, amore mio. Il più buono della mia vita. Però non aveva un filo di condimento”. Per lui, infatti, era tutto gustosissimo però un poco crudo, molto cotto e con il sapore delicato che non sa di niente, scegliendo le parole con cura perché servivano a demolirla.
Senza scomporsi, qualunque cosa Claudia facesse, o dicesse, o proponesse, per lui andava sempre benone, era un’idea geniale, però faceva schifo perché lei non capiva niente.
E Claudia, sempre più spesso, gli credeva.
(Tratto da “La turista italiana”, di Maria Tina Bruno, in vendita solo su www.popedizioni.it)

0 0 vote
Article Rating
Sottoscrizione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

A voce
alta
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore

Resta aggiornato


    Instagram feed

    0
    Lascia un tuo commentox
    ()
    x
    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita