22

Per la nostra rubrica, interamente dedicata a tutti gli scrittori del socio-cosmo, oggi vi presentiamo il testo di Enrico Arduini dedicato a Sylvia Plath.

Continuate ad inviarci le vostre creazioni e noi continueremo a darvi voce!

 

A SILVIA

 

Quello che credo,

quello che vedo adesso, Silvia,

nel finestrino di un treno

che inghiotte a tutto spiano

la strada del ritorno…

Quello che vedo,

quello che credo adesso a un tratto

è chiaro e trasparente,

è semplice all’inverso:

che la tua campana di vetro, Silvia,

fosse una palla di cristallo,

fosse una bolla sottile

con sopra il tuo riflesso,

non come una prigione, amica

e tu non chiusa dentro,

ma tesa in superficie,

la fragile speranza

dello scoppio.

 

0 0 vote
Article Rating
Sottoscrizione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    Instagram feed

    0
    Lascia un tuo commentox
    ()
    x
    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita