123

Giunti ormai quasi alla conclusione dell’elenco delle figure retoriche più ricorrenti, teniamo a chiarire il buon uso che lo scrittore dovrebbe farne.
Le espressioni linguistiche codificate non devono rappresentare un semplice giochino o un escamotage per riempire le pagine di vuota e cattiva retorica. Storicamente si sono sviluppate per dare maggiore resa a un testo, in modo da far trapelare, oltre alla forma testuale più esplicita, sentimenti o impressioni intrinseci alle situazioni o ai personaggi descritti.
Facciamo alcuni esempi utili: l’allitterazione non si limita al suono di una serie di parole che riproducono le stesse lettere. Può evocare il balbettio di un animo incerto o il ritmo stentoreo di una dimostrazione di coraggio, dipende sempre dall’uso che se ne fa.
La perifrasi non serve tanto a sostituire banalmente un termine con un giro di parole, quanto a conferire maggiore importanza all’elemento suggerito, come quando Dante parla di Dio, definendolo aristotelicamente “Amor che move il Sole e l’altre stelle”.
L’anafora, che vede ripetersi uno stesso lemma all’inizio di enunciati messi in successione, dà al lettore un incalzante senso di angoscia oppure di meraviglia.
A tal proposito, prendiamo un passo di Pascoli: “Sentivo il cullare del mare/ sentivo un fru fru tra le fratte/ sentivo nel cuore un sussulto”.
L’anastrofe, che inverte l’ordine naturale di una frase, conferisce una particolare rilevanza al termine posposto: “Sempre caro mi fu quest’ermo colle”.
(Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più. Pensierino del giorno: non basta avere ispirazione, creatività e talento: per scrivere bene servono anche disciplina, determinazione e allenamento.)
Siamo una casa editrice NON A PAGAMENTO, perciò investiamo i nostri soldi, lavoro e competenze solo per pubblicare libri di cui ci innamoriamo. Se siete degli scrittori meravigliosi, potete inviare i vostri testi, in formato word o pdf, a pubblicazione@popedizioni.it Ma prima rileggeteli, valutateli e correggeteli con onestà, generosità e rigore. E ricordate che i refusi non sono una disattenzione, sono una perversione. Grazie.

Lascia un commento

Condividi:

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    [anr_nocaptcha g-recaptcha-response]

    Instagram feed

    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita

    Shopper IN OMAGGIO