14

#labottegadelleparole

 

Uno scrittore porta in testa antenne invisibili in perpetua ricezione, mentre si aggira in incognito tra i suoi simili. Uomo tra gli uomini, riveste al contempo il ruolo di un osservatore distaccato, quasi interpretasse l’occhio di Dio, o un esploratore alieno in visita sul nostro pianeta.
La cronaca, le esperienze vissute in prima persona o raccontate da altri, i sentimenti provati o osservati, i dettagli di un’operazione finanziaria ad alto livello, come la descrizione di una piccola produzione artigianale: tutto lo coinvolge, tutto quanto è candidato a rientrare, prima o poi, in qualche sua opera. Ama ficcanasare tra cose, fatti e persone. Non lo spaventano gli orrori dell’animo umano né i suoi momenti più elevati. Testimoniarli è la sua vocazione.
Il corpo sociale e i singoli individui che lo compongono rappresentano l’oggetto primario dei suoi interessi, simile a quel bambino che tenta di smontare la sveglia rubata dal comò per indagarne i segreti meccanismi. Si informa a bassa voce, come una vecchia portinaia annoiata, pretende di sapere i particolari, come un pettegolo da paese, anche se, al contrario di questi ideali colleghi, i suoi sforzi investigativi non sono mai fini a se stessi.
Non è raro che rielabori e interpreti i dati raccolti in maniera così contorta da non fare nemmeno trasparire quale fosse l’ispirazione di partenza. Ciò nonostante, lo scrittore ha bisogno di ancorarsi a quel terreno comune a lui e al lettore, che è il mondo degli uomini.
(Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più. Pensierino del giorno: non basta avere ispirazione, creatività e talento: per scrivere bene servono anche disciplina, determinazione e allenamento.)

NON siamo una casa editrice A PAGAMENTO, perciò investiamo i nostri soldi, lavoro e competenze solo per pubblicare libri di cui ci innamoriamo. Se siete degli scrittori meravigliosi, potete inviare i vostri testi, in formato word o pdf, a pubblicazione@popedizioni.it Ma prima rileggeteli, valutateli e correggeteli con onestà, generosità e rigore. E ricordate che i refusi non sono una disattenzione, sono una perversione. Grazie infinite.

 

0 0 votes
Article Rating
Sottoscrizione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    Instagram feed

    0
    Lascia un tuo commentox
    ()
    x
    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita

    T-SHIRT IN OMAGGIO