19

 

Quant’è importante la punteggiatura in uno scritto? È fondamentale, va da sé.
Come si suol dire, si capisce quando un testo è davvero buono se regge alla prova della lettura ad alta voce. È un ritorno alle origini, quando ancora non esisteva la scrittura e i nostri avi già amavano raccontarsi storie intorno al fuoco.
I segni di interpunzione a questo servono: a dare la giusta intonazione e il senso che l’autore voleva conferire alla frase. Vale come i simboli musicali, usati per comprendere come una certa partitura vada eseguita. È dalla punteggiatura che capiamo quando riprendere fiato (in progressione da virgola a punto e virgola a punto fermo), quando abbassare la voce o cambiare tonalità (per gli incisi o le proposizioni parentetiche).
Al valore espressivo si affianca quello tecnico: i due punti precedono una spiegazione o descrizione, il punto e virgola indica che la proposizione non è terminata, ma quasi, il corsivo si usa per termini stranieri o commerciali, le virgolette per i pensieri o termini “da prendere con le pinze”, il trattino medio per digressioni che esulano almeno in parte dall’enunciato, le parentesi per quelle digressioni che possono essere eliminate senza compromettere il senso complessivo della frase.
Solo quando sarete pienamente padroni della punteggiatura potrete decidere di fare come Joyce, che per il monologo interiore di Molly Bloom, alla fine dell’“Ulysses”, la eliminò completamente.
(Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più. Pensierino del giorno: non basta avere ispirazione, creatività e talento: per scrivere bene servono anche disciplina, determinazione e allenamento.)
NON siamo una casa editrice A PAGAMENTO, perciò investiamo i nostri soldi, lavoro e competenze solo per pubblicare libri di cui ci innamoriamo. Se siete degli scrittori meravigliosi, potete inviare i vostri testi, in formato word o pdf, a pubblicazione@popedizioni.it  Ma prima rileggeteli, valutateli e correggeteli con onestà, generosità e rigore. E ricordate che i refusi non sono una disattenzione, sono una perversione. Grazie infinite.

 

0 0 vote
Article Rating
Sottoscrizione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

A voce
alta
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore

Resta aggiornato


Instagram feed

0
Lascia un tuo commentox
()
x
Promo Speciale

Spedizione Gratuita