2

Ma come si fa a capire quando una parola è quella “giusta”? In generale, è sempre buona norma ritenere che la prima idea, parola, frase o paragrafo che ci sono venuti in mente non siano necessariamente quelli giusti.

Sarebbe come pensare di sparare a un bersaglio e fare centro al primo colpo, senza aver mai tentato prima.

Non sperate nella fortuna, non contate sulla vostra notoria “predisposizione” alla scrittura, non affidatevi all’istinto, a meno che non siate dotati di un istinto particolarmente diffidente, allenato all’ascolto e agguerrito come un samurai.

Perciò, per capire se un’idea o una parola sia quella giusta, bisogna prima domandarsi: sono abbastanza allenato per riconoscere qualcosa di buono da ciò che non lo è? Se la risposta è sì, ovviamente non siete affatto allenati.

Per scrivere, bisogna rinunciare a ogni certezza e, innanzitutto, eliminare dal proprio vocabolario le parole: ispirazione, creatività, talento, inclinazione, predisposizione. Se poi riuscite a rendervi completamente ciechi e sordi ai complimenti di parenti e amici, otterrete una prima, concreta possibilità di cominciare a scrivere. (Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più.)

0 0 vote
Article Rating
Sottoscrizione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

A voce
alta
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore

Resta aggiornato



Instagram feed

Instagram has returned invalid data.
0
Lascia un tuo commentox
()
x

Scopri il nostro blog

Promo Speciale

Spedizione Gratuita