42

#labottegadelleparole

 

Spesso gli scrittori amano atteggiarsi a spiriti tormentati, i cui parti letterari, alla stregua di tutti gli altri parti, nascano tra indicibili travagli.
La verità è che scrivere dà loro un piacere immenso, che supera di gran lunga qualsiasi altra soddisfazione la vita possa riservare. Altrimenti non si spiegherebbe perché un tizio a un certo punto decida di isolarsi dal mondo circostante per profondere ogni suo più intimo sforzo nella stesura di una bella pagina.
Quel tizio rinuncerà spontaneamente alla compagnia dei suoi simili, alle più urgenti passioni della carne, a godersi una bicchierata o una passeggiata sotto braccio con la sua bella pur di inchiostrare un foglio bianco con le sue trame e i suoi personaggi.
L’essere umano è portato a tornare ancora e ancora verso ciò da cui trae maggiore piacere. Se c’è qualcuno che preferisce consumarsi in uno sforzo intellettuale come questo, anziché abbandonarsi a piaceri quotidiani senz’altro più semplici da ottenere, parlare di un sacrificio auto-imposto appare più che altro come una mistificazione.
La cosa più probabile invece è che non ci sia nulla che lo gratifichi quanto riuscire nella temeraria impresa di rendere nella maniera più chiara, attraverso il mezzo narrativo, quel che fino a un attimo prima si agitava e premeva, ancora confuso e non pienamente definito, nella sua mente. La soddisfazione è duplice: aver creato qualcosa di buono ed essersi infine liberato di fantasie tanto opprimenti, in attesa delle successive.

(Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più. Pensierino del giorno: non basta avere ispirazione, creatività e talento: per scrivere bene servono anche disciplina, determinazione e allenamento.)

NON siamo una casa editrice A PAGAMENTO, perciò investiamo i nostri soldi, lavoro e competenze solo per pubblicare libri di cui ci innamoriamo. Se siete degli scrittori meravigliosi, potete inviare i vostri testi, in formato word o pdf, a pubblicazione@popedizioni.it  Ma prima rileggeteli, valutateli e correggeteli con onestà, generosità e rigore. E ricordate che i refusi non sono una disattenzione, sono una perversione. Grazie infinite.

 

 

Lascia un commento

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    Instagram feed

    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita per ogni libro

    Shopper IN OMAGGIO