46

 

Il primissimo compito assegnato ad Adamo è quello di conferire un nome a ogni essere vivente e, più in generale, a tutto ciò che si trova intorno, fino a quel momento destinato al più assoluto anonimato. Geova ha pensato a creare l’universo, toccherà all’uomo chiamarlo pezzo per pezzo, dando così vita alla comunicazione. Solo attraverso le parole è possibile capirsi, imparare e insegnare dove e come viviamo.
Ogni scrittore è erede di quel primo nomenclatore, con un’unica ma basilare differenza: mentre il capostipite dell’umanità si trova al cospetto di una realtà data per la quale deve trovare i giusti appellativi, lo scrittore, oltre alla materia, si trova in consegna anche un vocabolario già definito. I termini ci sono già tutti, non compete a lui inventarli, tuttalpiù stravolgerli.
Il vero compito dello scrittore sarà quello di riuscire a maneggiare il linguaggio preesistente così bene da restituire con la massima precisione gli aspetti fisici e spirituali di ciò che va narrando.
A tutti noi è richiesto di esprimerci, parlando nel modo più efficace. Lo scrittore è gravato da una maggiore difficoltà, innanzitutto perché gli è preclusa la possibilità di ricorrere alla mimica o a indicazioni fisiche per rendere più chiaro quello a cui si sta riferendo, l’unico mezzo di cui si può avvalere è la parola scritta.
In secondo luogo, non ci basta che ci faccia capire ciò di cui parla: deve essere capace di mostrare il mondo che noi tutti conosciamo sotto una luce inedita. 

(Pensierino della notte: devo scrivere tanto, ogni giorno, e leggere molto di più. Pensierino del giorno: non basta avere ispirazione, creatività e talento: per scrivere bene servono anche disciplina, determinazione e allenamento.)

NON siamo una casa editrice A PAGAMENTO, perciò investiamo i nostri soldi, lavoro e competenze solo per pubblicare libri di cui ci innamoriamo. Se siete degli scrittori meravigliosi, potete inviare i vostri testi, in formato word o pdf, a pubblicazione@popedizioni.it  Ma prima rileggeteli, valutateli e correggeteli con onestà, generosità e rigore. E ricordate che i refusi non sono una disattenzione, sono una perversione. Grazie infinite.

0 0 vote
Article Rating
Sottoscrizione
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    Instagram feed

    0
    Lascia un tuo commentox
    ()
    x
    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita