133

“Andando porta a porta o con una pagina Facebook, in un modo o nell’altro dobbiamo dirlo, dobbiamo proprio farlo: se da ragazzina qualcuno mi avesse spiegato meglio alcuni pericoli, oggi forse sarei una donna diversa.
Perché ogni giorno migliaia di quindicenni, trentenni, cinquantenni di tutto il mondo si lasciano filmare con un telefonino mentre fanno sesso, solo per compiacere il partner, per assecondare la propria vanità o zittire la propria insicurezza.
Senza rendersi conto dei rischi che si corrono. Perché qualunque filmato finisca in Internet, o venga condiviso tramite una chat, non potrà essere cancellato. Mai. Da nessuno.”
È nato così, fra le pagine del romanzo “La turista italiana” di Maria Tina Bruno, il progetto social “Donne non facciamolo in Rete”, voluto fortemente dall’autrice del libro e dalla nostra casa editrice, Pop Edizioni: una pagina Facebook e Instagram che sono diventate un punto di riferimento per quasi 10.000 persone.
Un tesoro di notizie, micro-racconti e riflessioni per contrastare il fenomeno del Revenge Porn: la condivisione non consensuale di immagini intime in Rete o in chat, che sparge umiliazione, disperazione, rabbia e linciaggio, e che ha portato al suicidio ragazze e donne di ogni età.
Quasi una cartina di tornasole per misurare quanto, ancora, i rapporti fra uomini e donne siano malati.
Perciò noi di Pop Edizioni, con Maria Tina Bruno, abbiamo deciso che era nostro dovere parlarne, per mettere in guardia le donne dai pericoli del Web.
Le magnifiche tecnologie non possono trovarci impreparate. Fotocamere, telefoni, Rete: ad attivare il circuito con cui un gioco intimo si trasforma in un incubo basta un attimo, e la vita non è più nostra.
Certo, gli uomini devono cambiare mentalità, ma non aspetteremo i loro tempi lunghi.
Nell’attesa cambiamo noi donne: lasciamoci alle spalle moralismi e ingenuità, sosteniamoci reciprocamente, domandiamoci perché viene così “spontaneo” mettere la propria vita nelle mani di qualcun altro.
Il progetto social “Donne non facciamolo in Rete” è un porto sicuro per rispecchiarsi e vivere più felici le nostre emozioni.
Imparando a riconoscere le trappole al volo…
(Fabrizia C.)

Lascia un commento

Condividi:

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    [anr_nocaptcha g-recaptcha-response]

    Instagram feed

    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita

    Shopper IN OMAGGIO