3

Le sbaglio tutte, una dietro l’altra, con una precisione da far impallidire un neurochirurgo. Statisticamente è impossibile, eppure io ci riesco. E dopo continuo a ripensare a quello che ho detto, ma soprattutto a quello che non ho detto. Mi tremava la voce? Sì. Ero troppo accorata, quasi implorante? Sì. Sudavo, nel frattempo? Sì. Mi piacerebbe essere altera e distante come una montagna, ma non lo sono. Mi emoziono, mi confondo, mi ingarbuglio, ma per adesso non mi tiro indietro, anche se mi tremano le gambe e il cuore.

 

 

Lascia un commento

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

Gli ultimi POST

Le rubriche

Mondo Pop
Donne
come noi
La bottega
delle parole
Parola
d'autore
A voce
alta

Resta aggiornato


    Instagram feed

    Promo Speciale

    Spedizione Gratuita

    Shopper IN OMAGGIO